Fiat 500L e 500X, meglio la MPV o la crossover?

Entrambe piacciono tanto, ma ognuna ha i suoi pregi e i suoi difetti: ecco quindi una guida all'acquisto ragionata per scegliere bene se buttarsi sulla L o sulla X

24 gennaio 2019 - 16:01

Tutte e due sono in cima ai desideri degli automobilisti italiani e non è difficile capire il perché: piacciono esteticamente e hanno prezzi affrontabili. Ma Fiat 500X e Fiat 500L – che nascono sulla stessa piattaforma, opportunamente modificata, che sfrutta anche Jeep Renegade – rappresentano anche ciò che cerchiamo di più nelle auto: dimensioni compatte (lunghezza tra i 4,24 e i 4,27 metri) e posizione di guida alta, conditi con una buona disponibilità di spazio interno.

Ognuna, tuttavia, ha le sue peculiarità. A partire dalla praticità, per continuare con i motori e la guida. Cerchiamo quindi di capire quale, fra Fiat 500X e 500L, si adatta meglio alle vostre esigenze. Per mettere d’accordo look, versatilità e portafoglio, spendendo bene i propri soldi. E dare inizio ad una convivenza positiva.
Primo passo, scegliere la carrozzeria

Se le dimensioni esterne sono molto simili e comprese fra i 4,24 e i 4,27 metri, le carrozzerie sono molto diverse. La Fiat 500L è una MPV di taglio classico, con il portellone che scende verso il basso praticamente dritto. Non manca la variante Cross, con protezioni simil-SUV, pensata per chi vuole distinguersi. La Fiat 500X, invece, cede alle lusinghe delle crossover, con un’immagine più dinamica, dettata dal lato b più sfuggente e, quindi, sexy. In ogni caso, qui si entra nelle personalissime preferenze di ognuno: a voi la scelta.
Capacità di carico

Ci sono però delle differenze più percepibili. La prima è la capacità del bagagliaio. Oltre ad avere un vano dalle forme più regolari, la Fiat 500L vince a mani basse quando si tratta di caricare. Non solo per la capienza di 412-1480 litri contro i 350-1.000 della 500X.

Ma anche per i sedili posteriori scorrevoli in senso longitudinale, sdoppiati in percentuale 60/40, abbattibili e ripiegabili a pacchetto, che la X non ha. Così, si può scegliere se privilegiare i passeggeri posteriori o i bagagli. Per le famiglie extralarge c’è poi la 500 L Wagon, che nei suoi 4,38 metri di lunghezza nasconde da 638 a 1.704 litri per il carico.

 
La più comoda

Qui il verdetto si fa più difficile e delicato. Perché se la Fiat 500L può contare su un abitacolo decisamente arioso, con una visibilità ottima (specie davanti, grazie ai montanti “trasparenti”), la 500X risponde con una rumorosità aerodinamica minore e una risposta un po’ più curata delle sospensioni. Si tratta di poco più di sottigliezze, che possono modificarsi semplicemente preferendo un motore ad un altro, d’accordo: ma un orecchio raffinato non faticherà ad accorgersene.
Come si guidano

Su strada Fiat 500X e Fiat 500L sono molto simili. La L, tuttavia, mostra i suoi limiti ben prima rispetto alla X: il sottosterzo se si procede spediti è marcato e lo sterzo – con la comoda funzione City per i parcheggi – è decisamente turistico. Più precisa e godibile la 500X, ma nessuna delle due si compra per guidare nel senso stretto del termine. In ogni caso, una strada tutta curve viene “digerita” molto meglio dalla 500X. E, beninteso, nessuna delle due ha problemi di sicurezza: entrambe hanno comportamenti sicuri e prevedibili, anche al limite.
Diesel o benzina?

La Fiat 500X è l’unica a poter già montare i nuovi benzina turbo 3 e 4 cilindri della famiglia FireFly mentre la 500L si deve accontentare del vecchio 1.4 aspirato da 95 cv: da evitare. Fra i due nuovi T3 e T4, invece, tenete presente che il secondo monta di serie il cambio automatico e che quest’ultimo non è poi così puntuale nell’azione. In ogni caso, con il 4 cilindri da 150 cv guidando con attenzione si possono percorrere anche 15 km/litro. Percorrenze simili se si sceglie il tricilindrico T3 da 120 cv (media intorno ai 16,5 km/l), che è comunque gradevole e non soffre di vibrazioni: basta e avanza. Senza contare che il T4 costa 3.000 euro in più. E il T3 ha un punto di pareggio, rispetto al 1.6 Multijet da 120 cv (comunque un ottimo motore), che si raggiunge ben oltre i 200.000 km. Volendo, su L ed X c’è il 1.3 Mjet da 95 cv, che però rischia di essere troppo poco prestante, specie se viaggiate spesso a medio e pieno carico. Parlando di diesel – tutti Euro 6, così come i benzina – il plus della 500X è il 2 litri da 150 cv che muove le Cross e City Cross, con trazione 4×4 e cambio automatico a 9 rapporti. Il prezzo però si alza, arrivando fra i 29.000 e i 31.000 euro.
Gli allestimenti e i prezzi

Ragionando sul gasolio, generalmente la Fiat 500X costa di più rispetto alla L – a parità di motore e allestimento – se si scelgono gli allestimenti più ricchi (Business, Cross, ecc). Tuttavia, accontentandosi del 1.3 Mjet da 95 cv, la 500X fa quasi sempre risparmiare sul prezzo iniziale rispetto alla 500L. Senza dimenticare il vantaggio, fra l’altro, di poter avere il cambio automatico in combinazione con il 1.6 Mjet da 120 cv, mentre la 500L vanta il manuale a 6 marce e il robotizzato Dualogic solo sul 1.3 Mjet. In ogni caso, potete divertirvi a creare le combinazioni preferite sul configuratore Fiat. Tenendo presente che ogni allestimento ha bisogno di qualche aggiunta. Le nostre scelte? 500L 1.6 Mjet 120 cv Business (24.300 euro) e 500X 1.0 T3 120 cv Business (22.350) oppure 500X 1.6 Mjet 120 cv DCT Business (26.600 euro).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Maserati GranTurismo Zéda, l’ultima della “specie V8 aspirato”

McLaren Elva, la roadster che si ispira agli anni Sessanta

Milano AutoClassica, orari di apertura e prezzi