Guida autonoma livello 3: Mercedes e Honda battono Tesla

Grazie all’omologazione del KBA (autorità tedesca per i trasporti), Mercedes è la prima Casa a poter utilizzare la guida autonoma livello 3 su strade pubbliche.

Il concetto di automobile sta cambiando radicalmente e la tecnologia che permette la guida autonoma è uno di quei traguardi che, potenzialmente, è in grado di stravolgere il modo di vivere le auto. È ancora presto per dire addio a volante e pedali ma, tra l’intelligenza artificiale e la mole di dati a disposizione, le auto moderne continuano a sorprendere per quanto velocemente si siano “accaparrate” una notevole dose di compiti e responsabilità, precedentemente delegate al guidatore.

Dai primi controlli elettronici l’evoluzione è stata impressionante e, con un focus sulla sicurezza, i moderni sistemi di assistenza alla guida permettono non solo di rendere i viaggi più confortevoli ma anche di ridurre al minimo i potenziali errori, aumentando la percezione del guidatore grazie a radar, telecamere e sensori vari. Al momento si parla di livelli di guida assistita – quella autonoma vera e propria sarà tale solo dal livello 5 – e molte autovetture sembrano pronte a macinare chilometri senza l’intervento del guidatore. Tuttavia, la realtà è un’altra. Oltre a una maturità tecnologica ancora da raggiungere, occorre superare il rigido scalino legislativo imposto da governi ed enti normatori. In fatto di sicurezza non si scappa ma Mercedes e Honda sono riuscite dove Tesla non è ancora arrivata: l’omologazione per la guida condizionata (livello 3) su strade pubbliche.

Mercedes “toglie le mani dal volante”

Partiamo da Mercedes: la tecnologia in questione è il sistema Drive Pilot di Mercedes – qui il sito ufficiale – attualmente al livello 3 di guida autonoma secondo la classificazione SAE. Al momento disponibile su Mercedes Classe S e Mercedes EQS – qui la prova completa del collega Adriano Tosi della EQS 580 4Maticquesto sistema di guida condizionata permette legalmente di distrarsi alla guida in alcune circostanze, a condizione che si rimanga comunque pronti a riprendere il controllo della vettura entro un determinato numero di secondi.

I vincoli attualmente in vigore permettono il funzionamento del sistema solo su alcuni tratti autostradali tedeschi – si parla di oltre 10.000 km di autostrade su cui Mercedes ha previsto di utilizzare queste funzioni del Drive Pilot – e fino a una velocità massima di 60 km/h. In altre parole, in caso di traffico intenso e moderato l’autopilota di Mercedes è in grado di occuparsi di tutto – riconosce incidenti, lavori stradali e veicoli di emergenza – permettendo al guidatore di utilizzare lo smartphone o distrarsi come meglio crede.In caso di emergenza, o quando le condizioni non sono più rispettate, il Drive Pilot di Mercedes avviserà il conducente di riprendere il controllo quanto prima, arrestando in sicurezza il veicolo nel caso di mancata risposta del guidatore. Tutto questo è possibile grazie a una sensoristica avanzata (sensori perimetrali, radar laser, telecamere e microfoni) e a una mappa digitale in alta definizione in grado di fornire informazioni quali la conformazione della strada, la tipologia di percorso o dettagli sul traffico. A seguire il video di presentazione ufficiale di Mercedes-Benz.

Leggi anche: “Honda brevetta la moto a guida autonoma

Non dovremo attendere ancora molto prima di vedere altri costruttori omologare i rispettivi sistemi di guida autonoma sulle strade pubbliche. Al momento, oltre che in Germania, l’unico paese in cui sono stati definiti tratti di strade pubbliche adatti alla guida autonoma condizionata è il Giappone. Honda ha colto l’occasione per lanciare il suo sistema di guida autonoma livello 3 Sensing Elite a bordo della Legend Hybrid (modello non disponibile in Europa). Oltre a Honda troviamo poi la già citata Tesla – al momento (legalmente) ferma al livello di guida autonoma 2 – oltre ad Audi e BMW, quest’ultima in accordo con Stellantis.

Guida autonoma livello 3 Mercedes: video ufficiale