Nissan Qashqai 2021: le prime impressioni dal vivo

Moderno, ibrido e tecnologico. La terza generazione di Nissan Qashqai sorprende anche dal vivo, soprattutto per quanto riguarda gli interni.

Evoluzione fedele alla tradizione

Un’eredità importante quella di Nissan Qashqai che, senza essere stravolta, affronta il 2021 con la notorietà che ha sempre contraddistinto questo crossover. Bello da vedere, moderno e tecnologico; rimangono molti tratti distintivi del marchio Nissan, come la griglia anteriore V-Motion, mentre cambiano radicalmente componenti strutturali come il telaio, ora basato sulla nuova piattaforma CMF-C.

Nissan Qashqai 2021 - rear

Proprio grazie all’utilizzo di questa nuova piattaforma modulare, progettata da Nissan e poi condivisa con il resto dell’alleanza (Renault-Nissan-Mitsubishi), ritroviamo uno sviluppo tecnologico “nascosto” che porta la struttura del nuovo Qashqai ad essere più robusta (rigidità del telaio +41%) e leggera (-60 kg) grazie all’utilizzo di alluminio e di materiali compositi per componenti quali pannelli porta, cofano o portellone posteriore. Da sottolineare anche lo spirito con cui è stata sviluppata la nuova piattaforma: efficienza e riduzione dei costi. Anche senza averla provata, la dinamica di guida guadagna sicuramente qualche punto anche grazie all’adozione di raffinate sospensioni multilink al posteriore – disponibili per gli allestimenti a trazione integrale. Contenuti in linea con il mercato dei C-SUV, tra cui spiccano modelli come Jeep Compass, Fiat 500X e Peugeot 3008 (qui la prova), non ha nulla da invidiare in termini di produzione.

Evoluzione fedele alla tradizione
Com’è dal vivo: gli esterni
Una volta saliti a bordo: gli interni
Nissan e-Power: i dettagli rimangono un mistero