Auto elettriche, l’Europa sfida Cina, Corea e Giappone sulle batterie

L’Oriente è leader indiscusso nella produzione di batterie, ma l’Europa ha tutte le intenzioni di recuperare terreno. Ecco come

Quando si parla di auto a batteria le compagnie che dominano il mercato – in termini di produzione di celle agli ioni di litio – rimangono confinate tra Corea del Sud (LG Chem), Cina (CATL e BYD) e Giappone – leggi anche: Toyota punta sulle batterie a stato solido – a seguire Tesla, in procinto di completare la Gigafactory di Berlino. Tuttavia, le cose stanno cambiando e l’industria automotive europea vuole la sua fetta di torta; pena l’insostenibilità economica (o l’eccessiva dipendenza dagli altri) al crescere della domanda.

Istogramma relativo ai maggiori produttori di batterie agli ioni di litio. In ordine decrescente: LG, CATL, BYD, Panasonic e Tesla

Al momento i principali contendenti, secondo un’analisi di Automotive News Europe, sono Northvolt (Svezia), Britishvolt (Regno Unito), Automotive Cells Company (Francia), Tesla e Volkswagen Groupprincipale produttore europeo di auto elettriche. Non mancano le partnership con diversi produttori automotive (europei) ma la domanda di batterie dedicate ai moderni EV, al momento, non può che essere soddisfatta dalle già citate compagnia asiatiche.

La domanda aumenta, il mercato risponde
Produzione batterie: 60 miliardi in investimenti
Europa vs Cina: non solo batterie