2  LIVE  

Parlando di Honda Africa Twin è bello pensare quanto questa moto dopo trent’anni riesca ad essere ancora tanto desiderata. Gli anni passano anche per la “Seiecinquanta” ma nessuno l”ha mai dimenticata; la Casa giapponese forte di oltre 25 mila unità vendute con il nuovo modello nato nel 2015 ha deciso di introdurre la nuova Africa Twin Adventure Sports (leggi qui le novità legate al nuovo modello) – effetto heritage più che azzeccato – disponibile a 15.340 euro per la versione con il cambio manuale a 16.440 euro con il cambio doppia frizione DCT.

EMOZIONE IN SELLA

Credo che non solo i nostalgici del vecchio modello in occasione dell’EICMA 2017 ma anche un parterre di moderni maxi enduristi sia stato colto da tuffo al cuore vedendola esposta in passerella. Saranno stati i colori – l’azzurro metallizzato calamita – forse la scelta della sella su un unico piano o tutti i dettagli destinati ai lunghi viaggi che possono aver scatenato in molti il desiderio di avventura.

DIMENSIONI XL

L’Africa Twin Adventure Sports conserva il telaio della sorella standard, condivide il motore e l’elettronica rinnovata compreso il TBW (comando del gas elettronico) il pacchetto per la gestione di potenza e freno motore su tre livelli, il nuovo traction control su sette – in precedenza erano tre – e quattro Riding Mode di cui uno completamente personalizzabile. A cambiare in modo evidente sono la ciclistica e volumi che ora sono “maxi”. La forcella da 45 mm di diametro e il monoammortizzatore Showa crescono di circa 20 mm, la sella regolabile si alza (920 – 900 mm) e il serbatoio cresce a 24,2 litri contro i precedenti 18,8 litri e il peso raggiunge i 243 kg con il cambio tradizionale e 10 kg in più quella con il cambio doppia frizione DCT. Leggi come funziona

MATURITA’ RAGGIUNTA

L’introduzione di aggiornamenti condivisi con la versione standard fa della Adventure Sports una maxi enduro in grado di confrontarsi – benché i valori di potenza, coppia e cilindrata non siano paragonabili –  con le regine della categoria: BMW R 1200 GS Adventure e KTM 1290 Super Adventure. Mi rendo conto che il confronto sulla carta possa vederla svantaggiata visto i 998 cc del bicilindrico piuttosto che i 95 cavalli o i 98 Nm di coppia; ma il comfort offerto nella guida e la possibilità di sfruttare molto bene le prestazioni del motore ne fanno una concorrente tutt’altro che svantaggiata.

Indietro