Prova Sym Maxsym TL 508: bella scoperta!

Se lo scorso anno il Maxsym TL poteva essere considerato più un’alternativa sportiva agli scooter 400, con l’aumento di cilindrata a 508 cc e qualche CV in più si è avvicinato di più ai bicilindrici sportivi sul mercato, di cui rappresenta un’alternativa low cost più ragionata e meno blasonata. Pochi optional e un’ottima ciclistica saranno sufficienti a conquistare lo scooterista sportivo?

Un altro passo avanti

Il SYM Maxsym TL, versione sportiva del monocilindrico Maxsym 400 ma con cui condivide giusto il nome, è uscito nel 2020 con motore da 468 cc (ne abbiamo parlato qui), e solo un anno dopo ha cambiato le carte in tavola. Con l’adeguamento all’Euro 5 la cilindrata ora supera la soglia dei 500 cc per cercare di competere ad armi pari con i suoi concorrenti diretti Yamaha Tmax e Kymco AK 550 (giusto per fare i nomi).

Sym Maxsym TL 508

La dotazione di serie, a cui si aggiunge da quest’anno il sistema di avviamento con smart key, rimane sempre ridotta all’osso, ma a Taiwan puntano sul binomio poca spesa e tanta resa. Il prezzo è più asciutto rispetto agli altri maxi 500 ma non la qualità: il SYM Maxsym TL non rinunncia a una ciclistica e a un impianto freni degno di una moto di media cilindrata.

Che coppia!

Al Maxsym TL (Twin line, o all’italiana bicilindrico in linea) del 2020 mancava un po’ di grinta ma a Taiwan sono corsi subito ai ripari. Hanno aumentato l’alesaggio e la cilindrata salita da 468 a 508 cc cambiando decisamente carattere allo scooter. Sulla carta il my 2021 ha 5 CV in più e la coppia sale da 42,2 a 49,9 Nm, disponibile parecchi giri  più in basso.

Sym Maxsym TL 508 trasmissione a catena

Il motore, fissato al telaio come sugli scooter sportivi, ha distribuzione bialbero a 8 valvole con un contralbero che riduce (abbastanza) le vibrazioni mentre è inedita su uno scooter la trasmissione finale a catena al posto della classica cinghia. Questa soluzione non è nuova ma era stata già tentata dal Gilera GP800, il più potente scooter mai prodotto e proposto anche con livrea Aprilia (SRV 850).

Italian do it better

Le linee sono aggressive e parlano italiano, essendo state tracciate dallo studio valtellinese Andreani Design, che ha progettato il SYM Maxsym TL insieme con la G.P. di Giuseppe Ghezzi (che ha già curato: Energica, Moto Guzzi Stelvio, Piaggio Beverly, Millepercento e ovviamente Ghezzi & Brian).

Sym Maxsym TL 508

Il frontale è ampio e protettivo e il parabrezza è regolabile in altezza su due posizioni, ma occorrono gli attrezzi. Le fiancate hanno un disegno diverso dai suoi diretti concorrenti mentre sul lato destro svetta lo scarico alto che invita ad affrontare pieghe sostenute; nessun problema anche a sinistra, il cavalletto laterale permette un bell’angolo prima di strisciare.

Tanto spazio

Lo spazio offerto è più che buono: due posti comodi sulla sella, un vano sottosella ad apertura frontale con rivestimento interno, luce di cortesia e spazio per un casco integrale o per una coppia di jet, una volta capito come incastrarli. Dietro lo scudo ci sono due vani un po’ risicati: il destro è più profondo e ha la presa USB, a sinistra è giusto un porta chiavi e nasconde la serratura di emergenza per aprire il vano sottosella, nel caso  la smart key facesse i capricci.

Sym Maxsym TL 508 vano portacasco

Doppio display

Il cruscotto digitale è a doppio display, con il centrale personalizzabile scegliendo tra 5 schermate che mostrano dati differenti, ma non fa godere fino in fondo. Il viaggiatore e il fanatico della notifica dovranno rassegnarsi, nessuna connessione al cellulare e manca anche il navigatore.

Sym Maxsym TL 508

Insomma, pochi orpelli e tanta sostanza, la strategia di SYM è chiara: uno scooter sportivo ben fatto e  asciutto anche nel prezzo. Traction control, cruise control, connessioni o accessori per viaggiatori esigenti non ci sono e farebbero lievitare il prezzo ben oltre gli 8.499 euro a cui è proposto.

Vai alla prova su strada