Aston Martin Vantage MY18: al cuor non si comanda

28 novembre 2017 - 11:11

La nuova Aston Martin Vantage nasce con un obiettivo ben preciso: fare tabula rasa del passato a livello tanto estetico quanto telaistico e meccanico. Cambia infatti pelle rispetto al vecchio modello, sul mercato dal 2012 in configurazione sia coupé sia roadster, mutuando parte della dotazione tecnica dalla “sorella maggiore” DB11. A partire dal propulsore V8 4.0 biturbo AMG e dal cambio automatico ZF a 8 rapporti. Un altro mondo.


Peso inferiore a 1.530 kg
Proposta a partire da 154.000 euro in Germania e in consegna dal secondo trimestre del 2018, la nuova Vantage vede la scocca in alluminio e magnesio, una dotazione tecnica caratteristica della sportiva inglese, rinnovata nel 70% dei componenti, mentre la lunghezza della vettura si attesta a 4,46 metri. Vale a dire 3,4 cm in meno se confrontata con l’acerrima rivale Porsche 911. Il peso a secco si attesta a 1.530 kg – è quindi 230 kg più leggera della “sorella maggiore” DB11 V8 – mentre sottopelle pulsa il V8 4.0 biturbo AMG a iniezione diretta della benzina da 510 cv e 685 Nm di coppia già in dotazione alla citata DB11 Coupé V8. Propulsore che beneficia di uno step di potenza specifico, ottenuto grazie a una profonda rivisitazione del V8 della Stella. L’elettronica, ad esempio, è affinata dalla Casa inglese in collaborazione con la Bosch, così come sono made in Gaydon l’aspirazione, la lubrificazione e il sistema di scarico.

Velocità massima di 314 km/h
La nuova Vantage V8, disponibile esclusivamente con un cambio automatico ZF a 8 rapporti del tipo mediante convertitore di coppia – la precedente unità robotizzata a 7 marce viene definitivamente pensionata – si avvale di un differenziale elettronico con strategia torque vectoring per la ripartizione della coppia tra le ruote del medesimo asse. Una novità assoluta in casa Aston Martin che contribuisce a prestazioni degne di nota. La supercar inglese scatta infatti da 0 a 100 km/h in 3,6 secondi e raggiunge una velocità massima di 314 km/h, mentre il guidatore ha la possibilità di scegliere fra 3 programmi di marcia (Sport, Sport Plus e Track) che influiscono sull’erogazione del motore, la logica di gestione della trasmissione, la servoassistenza elettrica dello sterzo, la taratura delle sospensioni adattive a controllo elettronico, la soglia d’intervento dell’Esp e l’operato del differenziale.


Punta sull’effetto suolo
La dotazione tecnica della supercar inglese si completa con un impianto frenante con dischi anteriori da 400 mm di diametro e posteriori da 360 mm sui quali agiscono pinze rispettivamente a 6 e 4 pistoncini oltre che con i cerchi in lega da 20 pollici abbinati agli pneumatici Pirelli PZero nelle misure 225/40 all’avantreno e 295/35 al retrotreno. Sotto il profilo estetico debuttano una linea profondamente affinata rispetto al passato, forte di gruppi ottici a Led dalle dimensioni ridotte, inediti sfoghi d’aria laterali e il portellone con un vistoso profilo integrato. Per ottenere un’elevata deportanza l’aerodinamica, in assenza di appendici fisse, si affida a un estrattore dalle dimensioni monstre, a uno splitter pronunciato e al sottoscocca carenato.


Seduta ribassata e dotazioni hi-tech
L’abitacolo? Irriconoscibile. La nuova Vantage riprende e accentua il cambio di passo inaugurato dalla DB11. La seduta, ad esempio, è ribassata di 10 mm rispetto alla precedente generazione e la console è caratterizzata da un layout inedito. Spiccano, in particolare, il controller multifunzione sormontato da un touchpad – di derivazione Mercedes – e il display da 8 pollici, mentre non manca una nutrita gamma di accessori in carbonio che spazia dai sedili sportivi alla griglia frontale, dalle minigonne alle bocche laterali per lo sfogo del calore del motore, dalle calotte dei retrovisori ai pannelli porta sino alla palpebra della strumentazione e al rivestimento della console. Componenti cui si affiancano dotazioni raffinate quali i rivestimenti in pelle estesi all’intero abitacolo, le verniciature speciali, le sedute climatizzate a regolazione elettrica, i cerchi in lega forgiati, il sistema di parcheggio assistito, la segnalazione d’ostacolo in corrispondenza dell’angolo di visuale cieco e la telecamera con vista a 360°.


Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Share Now
Smart Fortwo Cabrio in città

Alfa Romeo
Giulia Quadrifoglio
in oro per la 1000 Miglia

Salone dell’Auto di Torino 2019
Parco Valentino