“Mi faccio l’auto”: da Amazon a Google e Dyson, chi ci ha provato e con quali risultati

Le grandi compagnie puntano all’elettrico: dagli e-commerce al mondo degli elettrodomestici. Investimenti miliardari da parte di Amazon, Google, Apple e perfino Dyson; l’auto elettrica del futuro è dietro l’angolo.

Il fallimento di Dyson: commercialmente infattibile

Non solo progetti in corso, troviamo anche esempi di fallimento, o di rinunce. Che sia destino o differenze di capitale rispetto a grandi gruppi come Apple e Google, nel 2014 troviamo Dyson e l’idea di sviluppare interamente da foglio bianco la propria auto elettrica. Un ambizioso progetto legato anche all’acquisizione di una start-up americana (Sakti3) dedita allo sviluppo di batterie allo stato solido. Globalmente, l’auto elettrica di Dyson avrebbe garantito un’autonomia vicina ai 1000 km grazie alla capacità del pacco batterie da ben 150 kWh. I due motori elettrici, uno per asse, avrebbero raggiunto 400 kW di potenza (corrispondenti ad oltre 540 cv).

Piattaforma sviluppata da zero, gruppo propulsore creato internamente ed il pregio, almeno sulla carta, di risolvere molte delle più comuni problematiche legate alle auto elettriche; un piano perfetto destinato tuttavia al fallimento o, come preferisce sottolineare James Dyson, una mancata conversione del progetto in qualcosa di realmente e commercialmente fattibile.

Dyson-electric-car

Le competenze di Roland Krueger, ex presidente BMW Group ed Infiniti, non sono bastate a far decollare il progetto. Nonostante ciò, i consistenti investimenti non verranno abbandonati totalmente: Dyson espanderà i propri orizzonti concentrando gli sforzi sullo sviluppo di batterie a stato solido e tecnologie dedicate ad ADAS ed intelligenza artificiale.

Tesla pone le basi

Waymo: Google si affida a Toyota, FCA e Jaguar Land Rover

Apple “iCar”: questioni di budget

Amazon: robotaxi e logistica sostenibile

Alibaba investe sulle auto elettriche

Conclusioni