“Mi faccio l’auto”: da Amazon a Google e Dyson, chi ci ha provato e con quali risultati

Le grandi compagnie puntano all’elettrico: dagli e-commerce al mondo degli elettrodomestici. Investimenti miliardari da parte di Amazon, Google, Apple e perfino Dyson; l’auto elettrica del futuro è dietro l’angolo.

Conclusioni

La corsa all’auto elettrica è in atto, il livello tecnologico è altissimo ed i capitali investiti arrivano a cifre oltre l’immaginazione. Sicuramente le grandi compagnie, come quelle sopra citate, hanno un vantaggio economico notevole ma i soldi non sono tutto. La tecnologia e l’esperienza di partner tecnologici ed industriali risulta fondamentale.

Le aree di sviluppo sono altresì molteplici: dal trasporto pubblico ai veicoli commerciali, l’interesse nell’elettrico è ampiamente diversificato. Non rimane che attendere gli sviluppi futuri con un occhio a regolamentazioni e normative vigenti. Senza dimenticare il capitolo batterie, area su cui l’Europa cerca di tenere il passo investendo sulla produzione: entro il 2025 i paesi UE potrebbero non dover più fare affidamento sull’importazione. Al momento, tuttavia, la Cina totalizza l’80% della produzione mondiale di celle agli ioni di litio e i volumi di vendita per i veicoli elettrici sono in costante crescita (fonte: Sole 24 ore).

Tesla pone le basi

Waymo: Google si affida a Toyota, FCA e Jaguar Land Rover

Apple “iCar”: questioni di budget

Il fallimento di Dyson: commercialmente infattibile

Amazon: robotaxi e logistica sostenibile

Alibaba investe sulle auto elettriche