CES 2019, le migliori novità auto e moto

La fiera americana dedicata all'elettronica porta al debutto i sistemi più diversi, sia per auto sia per moto. Per aumentare la sicurezza o semplicemente divertirsi a bordo

8 gennaio 2019 - 17:01

Probabilmente, solo gli americani potevano trasformare una fiera dell’elettronica in un vero e proprio show. Che va in scena ogni anno, dal 1980, a Las Vegas. E poiché c’è sempre più elettronica nelle auto e moto di oggi, sono sempre più numerose le Case presenti alla kermesse americana. Ma quali sono le migliori novità auto e moto al CES 2019?
Audi e l’intrattenimento a bordo

Audi porta al CES 2019 un nuovo sistema di intrattenimento a bordo, sviluppato in collaborazione con Marvel, Disney Games e Interactive Experience. I passeggeri posteriori della Audi e-tron hanno due visori VR, grazie ai quali vengono proiettati nello spazio siderale, come se si trovassero a bordo dell’astronave dei Guardiani della Galassia. Non solo: i visori seguono i movimenti dell’auto. Se la e-tron affronta una curva stretta, i passeggeri si trovano a dover “virare” attorno ad una nave spaziale nemica. Atteso nei prossimi tre anni sulle auto di serie, questo sistema farà sì che – grazie alla comunicazione veicolo-infrastruttura – le soste al semaforo si tramutino in ostacoli inaspettati all’interno di un gioco.
Bosch e l’auto intelligente

La prima, grossa novità prende le sembianze di uno shuttle a guida autonoma. Un mezzo – elettrico, si capisce – che si propone come servizio di sharing, e su cui non mancano servizi connessi: in questo modo i viaggiatori/pendolari potranno usare la connessione wi-fi per gustarsi un film, mentre i più “imbruttiti” potranno sfruttare il tragitto verso l’ufficio per lavorare. E poi ci sono le due ruote: come abbiamo visto ad Eicma 2018, Bosch prevede di implementare presto anche sulle moto il cruise control adattivo, il dispositivo per l’assitenza all’angolo cieco e l’allarme anti-collisione. Sistemi assodati sulle auto, ma che possono limitare il pericolo d’incidenti sulle due ruote. La sfida sarà renderli piccoli e leggeri, per evitare di alterare in modo importante la dinamica della moto.
Ducati con Audi e Ford per la comunicazione C-V2X

Ducati, Audi, Ford e Qualcomm stanno collaborando per accelerare lo sviluppo delle tecnologie C-V2X di comunicazione diretta fra auto, moto e infrastruttura per la sicurezza stradale e la guida autonoma. Al CES 2019 sono infatti in programma dimostrazioni di funzionamento del sistema con auto Audi e Ford e una Multistrada 1260. I chip possono arrivare a gestire il diritto di precedenza in tutta autonomia, oppure a segnalare potenziali collisioni con i veicoli che si stanno avvicinando ad un incrocio. O ancora, infine, possono dare informazioni su eventuali cantieri sul percorso, avvisando per tempo chi guida.
Hyundai e Kia, parcheggio con ricarica

Oltre al sistema READ, in grado di capire le emozioni di chi guida, Hyundai e Kia portano al CES 2019 un sistema di parcheggio automatico con ricarica wireless inclusa. Una volta giunti al parcheggio con la vostra auto a guida autonoma (almeno di livello 4) basterà aprire l’app e vedere l’auto scomparire, mentre si posteggia da sola nello stallo libero. Una volta ferma, ecco che parte la ricarica grazie a piastre ad induzione. Un sistema che dovrebbe arrivare sul mercato non prima del 2025.
Con Nissan l’invisibile diventa visibile

La realtà aumentata secondo Nissan si chiama I2V, Invisible to Visible. Si tratta di una sorta di visualizzazione predittiva: grazie a sensori e telecamere, il sistema riceve delle immagini dell’esterno e le unisce ai dati del cloud. Il risultato è che potete vedere ad esempio cosa c’è dietro una curva ancor prima di arrivarci, sotto forma di immagini in 3D proiettate in abitacolo. Ma il I2V crea anche assistenti virtuali (di fattezze umane) e, grazie ai dati in tempo reale su traffico e nell’area circostante il veicolo, avvisa in caso di fondo irregolare o traffico contromano.
Nuova Mercedes CLA

Una CLS in miniatura la nuova Mercedes CLA, allungata di 5 cm (4,69 m totali) e ancora più elegante, grazie alla targa che scende sul paraurti posteriore. Lasciando spazio ad un vano bagagli più piccolo di 10 litri (460 totali). Per – parafrasando la Stella – “il modello più sportivo della nuova generazione di compatte Mercedes.” Sotto c’è la meccanica della Classe A, mentre la tecnologia conquista il sistema di comandi vocali MBUX evoluto.
Guida autonoma, da Yandex un software open source

L’azienda russa Yandex, già attiva nel mondo della guida autonoma, ha portato al CES 2019 il prototipo di una Toyota Prius sulla quale sono stati installati sensori, radar e telecamere che le permettono di guidare autonomamente in tutta sicurezza. Il software, sviluppato dalla stessa Yandex, è del tipo open source e, in futuro, potrebbe essere montato – kit di sensori, radar e telecamere compresi – su tutte le auto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Porsche Cayenne Coupé, la SUV tedesca si arrabbia

Bosch wrong-way driver warning, verso la retta via

Peugeot 208 vs Renault Clio, derby tutto da giocare