Ford Kuga, la prova di 1000 km con la full hybrid

Il test della Kuga pensata per chi pretende la massima efficienza ma non ha un garage per ricaricare le batterie, o non vuole “pensieri”

La Kuga è un’auto spaziosa?

Vi ho parlato tanto di famiglia… Beh la mia è numerosa e vi posso garantire – anzi ve lo faccio vedere – che di spazio sulla Kuga ce n’è in abbondanza. Per grandi e piccoli, davanti e dietro, e anche per le valigie. La capacità dichiarata è pari a 405 litri, con il divano arretrato, che diventano 581 portandolo avanti. Abbattendo invece gli schienali dei sedili posteriori si toccano i 1481 litri di capacità. Non si tratta del vano più grande del segmento (anche in considerazione dei 4 metri e 61 di lunghezza per 1 e 88 di larghezza), ma bisogna considerare la trazione ibrida e il fatto che questa è la versione 4×4. La Kuga con motore endotermico offre infatti una trentina di litri in più. 

Quanto alle piccole comodità quotidiane, non posso non parlarvi del funzionamento semplicemente perfetto del sistema Hands Free Liftgate, cioè quello che apre il portellone in automatico passando il piede sotto il paraurti posteriore. Beh, quello della Kuga si è dimostrato più efficace rispetto a quello della maggior parte delle concorrenti. 

Altra piccola grande trovata è quella delle protezioni sui bordi delle portiere, utili per evitare di graffiare la carrozzeria, la propria contro un muro o quella dell’auto del proprio vicino di parcheggio. Infine, ho apprezzato molto la possibilità di disattivare il mantenimento automatico di corsia – che come su tutte le auto può talvolta risultare invasivo – semplicemente premendo un tastino sulla leva alla sinistra del piantone di sterzo.

ford kuga prova

A proposito di sistemi di assistenza alla guida, funziona molto bene il cruise control adattivo, sempre molto graduale sia nell’uso dell’acceleratore sia nell’uso del gas. Mi è piaciuto anche il funzionamento del sistema anti tamponamento, mai troppo invasivo.