Android Auto ed Apple CarPlay: funzionamento e caratteristiche

La corsa all’infotainment è aperta: da Android Auto ad Apple CarPlay, tutti i requisiti e le funzionalità dei sistemi di Google ed Apple.

Android Auto: cos’è e come funziona

Partiamo dal sistema più “libero”, Android Auto. Questa applicazione, inclusa in tutti i dispositivi con Android 10 o successivo, permette di utilizzare molte delle funzionalità di uno smartphone Android direttamente sull’infotainment dell’auto.

Come collegare Android Auto: i requisiti

Occorre verificare che il vostro veicolo sia compatibile con Android Auto. Per fare questo è sufficiente controllare il sito ufficiale Android scegliendo il modello di auto o stereo. Per quanto riguarda la compatibilità tra Android Auto e BMW, la casa bavarese ha annunciato che tutte le auto aggiornate a BMW Operating System 7.0 (come per esempio la Serie 5 restyling) potranno utilizzare Android Auto.

Successivamente, se avete Android 9 o una versione precedente, è necessario scaricare l’applicazione direttamente dal PlayStore. Nel caso di Android 10 o versione successiva, l’app Android Auto risulta integrata nel sistema operativo dello smartphone. Non rimane che collegare quest’ultimo al sistema di infotainment attraverso un cavo USB. Per utilizzare Android Auto senza cavo occorre avere un veicolo compatibile e rientrare in una di queste casistiche:

  • smartphone con Android 11 e rete Wi-Fi da 5 Ghz
  • smartphone Google o Samsung con Android 10.0
  • telefono Samsung Galaxy S8, Galaxy S8+ o Note 8 con Android 9.0

Android Auto: come funziona l’interfaccia

Dopo aver collegato lo smartphone partirà automaticamente la configurazione di Android Auto che, una volta ultimata, mostrerà tutte le applicazioni disponibili. Grazie all’interfaccia in stile tablet, le icone di navigazione, musica, telefono e messaggi sono ben in vista sul display. Al centro della schermata principale, spesso chiamata “dashboard”, è presente il menù di navigazione a scorrimento verticale. android-auto-dashboard

La grafica – a differenza di Apple CarPlay di cui parleremo a breve – non risulta personalizzabile né dallo smartphone né direttamente dall’auto. Attraverso alcune impostazioni è tuttavia possibile modificare le applicazioni presenti sulla dashboard del display digitale aggiungendo o nascondendo app legate a previsioni meteo, notizie, podcast o messaggistica.

Android Auto impostazioni

Nello specifico, è sufficiente aprire l’app di Android Auto su smartphone (quando è scollegato dall’infotainment), espandere il menù laterale (icona in alto a sinistra) ed accedere alle “impostazioni”. Dalla sezione “Generali” è possibile accedere alla scheda “Personalizza Avvio app” e da qui impostare ordine e visibilità delle applicazioni disponibili. Il menù principale verrà così suddiviso tra applicazioni aggiuntive e standard.

App e compatibilità

Durante la guida è possibile utilizzare le varie app installate in diversi modi, tra cui il display touch della vettura, lo schermo dello smartphone o i comandi al volante. Tuttavia, per ridurre al minimo le distrazioni alla guida, è consigliato l’utilizzo dei comandi vocali. Basterà pronunciare “Ok Google” e l’assistente risponderà (quasi) ad ogni vostra richiesta.

android-auto-essential-apps

È possibile ampliare la lista delle applicazioni disponibili su Android Auto direttamente dal menù laterale. Proprio sotto la voce impostazioni, la stessa utilizzata per modificare ordine e visibilità delle app, potrete trovare l’indicazione “App per Android Auto“. Grazie a questo collegamento potrete accedere direttamente ad una pagina dedicata del PlayStore con tutte le categorie disponibili: dalle mappe alle app di musica, passando per i podcast.

Dall’autoradio all’infotainment

Android Auto: cos’è e come funziona

Apple CarPlay: funzionamento e caratteristiche

Conclusioni: qual è il migliore?