Indietro
Avanti

Skoda e 4×4 binomio longevoPrimi esperimenti anteguerra di Škoda di auto che possano affrontare la neve

Se pensate che la prima 4X4 Škoda sia la Octavia Combi, vi sbagliate. I primi esperimenti di trazione integrale risalgono addirittura agli anni 30. La Casa ceca produsse allora diversi prototipi di autobus a tre assali con i due posteriori motrici. Questi audaci tentativi non videro mai la luce della produzione di massa. Nel 1936 fu prodotto il primo prototipo del 903, un veicolo militare a quattro ruote motrici basato sulla Škoda 650. Montava un motore 3 litri a 6 cilindri da 45 kW. Per la produzione su grande scala si dovette però attendere il lancio della Octavia Combi nel 1999 che presentava architettura a motore trasversale e frizione Haldex di prima generazione. Le ruote posteriori cominciavano a muoversi solo quando quelle anteriori pattinavano. Un sistema certo lontano dall’efficienza di quelli moderni.

Un po’ di numeri

Dal 1999 ad oggi sono state prodotte più di 700.000 Škoda a quattro ruote motriciOggi la trazione integrale viene offerta su 4 modelli (Octavia, Superb, Karoq e Kodiaq) su 7 disponibili che diventano 13 se si considerano le diverse varianti nelle quali i modelli sono proposti. La produzione di veicoli 4X4 è quasi raddoppiata negli ultimi 5 anni tanto da raggiungere il picco di 127.000 unità per il solo 2017. La Kodiaq è attualmente il modello più venduto e copre il 60% di tutte le Škoda integrali vendute. Dati a parte, spostiamoci sul lato ingegneristico e andiamo a scoprire assieme come è fatto il 4X4 delle Škoda di oggi.

Indietro
Avanti