1000 km con Harley-Davidson Sport Glide 2019

31 luglio 2019 - 15:24

Quando inizi a mettere chilometri in tasca con Sport Glide capisci tutti i miglioramenti tecnici realizzati da Harley-Davidson degli ultimi anni. Su tutti il cambio che è migliorato: rimane sempre maschio ma ha innesti sempre precisi, più morbidi, pur conservando una bella sonorità meccanica.

Buona la guida con una soddisfacente rapidità nei cambi di direzione, un concetto che sembra lontano dal mondo Harley perché siamo tutti, impropriamente, convinti che queste moto di dinamico e veloce abbiano poco nel DNA. Nulla di più sbagliato. Certo, non è una super sportiva o una naked, con lei non fai i 60 gradi di piega, ma questo non significa che ci si possa divertire. Con il baricentro così vicino all’asfalto e la sella a 680 mm i 317 kg in ordine di marcia si sentono poco e quando la guidi, sì perché anche la Sport Gilde si guida, ti trovi subito a tuo agio.

Anche la posizione di guida rispecchia l’idea del nome. Anche se piace rilevare che prima di tutto è comoda, le gambe sono distese e i piedi appoggiati lontani sulle pedane avanzate e il sedere è in basso e vincolato in accelerazione dalla conformazione della sella molto scavata che non ti fa arretrare. Ho sentito solo le braccia un po’ troppo distese e lontane nella guida quando ho guidato a passo costante e rilassato. È sufficiente alzare di poco il ritmo di guida, trovare un paio di curve buone da percorrere in sequenza per trovarsi subito meglio. Basta poco per trovarsi con le pedane grattugiate da entrambi i lati, complice il ridotto angolo di piega statica che non raggiunge i 30 gradi. C’è di buono che essendo ricoperte di gomma morbida, non fanno rumore sull’asfalto e non vibrano sotto le suole delle scarpe.

110 KM – GLI OCCHI ADDOSSO

377 KM – LASCIATI GUIDARE

630 KM – GRANDE COMFORT

855 KM – DOVE MIGLIORARLA?

1001 KM – IL PEZZO FORTE

IL VIDEO DELLA PROVA

Commenta per primo