Datemi tutto, ma non una SUV. Con Ford si può

20 giugno 2017 - 8:06

Le monovolume diventano SUV. Le wagon vengono rialzate e dotate di protezioni in plastica grezza così da essere simili alle SUV. Come se ciò non bastasse, il pianale delle berline compatte – si pensi alla Seat Ibiza, base tecnica della nuova Arona – viene “cannibalizzato” per creare… nuove SUV! E le sport utility vere e proprie? Declinate in ogni forma e categoria, spaziando dai modelli lillipuziani, ad esempio la Suzuki Ignis, a quelli di medie dimensioni, dalle varianti lussuose a quelle più adatte al fuoristrada, dalle ibride alle bifuel, sino ad arrivare ai colossi di oltre 5 metri e 27 quintali come la Cadillac Escalade. Le SUV sono il fenomeno di mercato del momento. Ma… se a qualcuno non piacessero? E se quel qualcuno volesse comunque disporre di ampio spazio, di una generosa capacità di carico, di un tocco di sportività e, soprattutto, della trazione integrale? Il rischio è di sentirsi come un allergico nel mezzo della fioritura delle graminacee. A meno di guardare alla gamma Ford, dove Mondeo Wagon ed S-MAX si rivelano delle mirabili alternative alle sport utility.

Ford, una gamma vasta e variegata
La Casa dell’Ovale Blu vanta a listino alcune delle sport utility più apprezzate sul mercato, come la compatta Ecosport, la dinamica Kuga e la lussuosa Edge, ma non per questo “costringe” i propri clienti a rivolgersi al mondo delle SUV per coniugare un elevato grip con qualsiasi condizione climatica, la sicurezza, il comfort e la raffinatezza multimediale. Il sistema di trazione integrale intelligente adottato da Kuga ed Edge è infatti condiviso da gran parte della gamma Ford e, in special modo, dalla famigliare Mondeo Wagon e dalla monovolume S-MAX.

Trazione e riduzione dei consumi
Alla base delle 4WD intelligenti Ford vi è un principio cardine: abbinare la massima trazione a un marcato risparmio di carburante, specie confrontando le prestazioni ottenute con quanto garantito dalle trasmissioni integrali della concorrenza. Un obiettivo reso possibile dal trasferimento del moto, nella marcia ordinaria, al 100% all’avantreno, mentre in caso di necessità, ad esempio qualora venga rilevato lo slittamento delle ruote anteriori, il sistema trasferisce la spinta – in solo 20 millisecondi – anche al retrotreno, sino a raggiungere un rapporto paritario tra gli assi o, addirittura, sino a inviare l’intera coppia al posteriore. All’atto pratico, la trazione integrale è gestita elettronicamente in base alle condizioni effettive, senza che il conducente si accorga di nulla tanta è la dolcezza d’intervento della tecnologia Intelligent All Wheel Drive.

Mondeo Wagon AWD, oltre 20 km/l
Mondeo Wagon è disponibile con la trazione integrale intelligente abbinata al motore 2.0 TDCi – turbodiesel common rail – negli step da 150 e 180 cv. È così possibile beneficiare di una capacità di carico straordinaria, compresa tra 525 e 1.630 litri, dell’esclusivo allestimento Vignale – riservato alla variante da 180 cv – e di consumi eccezionali, dato che la famigliare americana percorre sino a 20,4 km/litro, oltre che di un grip da riferimento in qualsiasi condizione. Mondeo Wagon, già di per sé una viaggiatrice instancabile, grazie alle 4WD amplia ulteriormente i propri orizzonti, candidandosi a vettura ideale per quanti si muovono spesso in montagna, specie d’inverno, oppure desiderano semplicemente contare su di una dose supplementare di sicurezza in ogni frangente.

S-MAX AWD, anche Vignale
Abbinare una monovolume lunga quasi cinque metri alla trazione integrale? Follia! Significherebbe avere a che fare con consumi degni di una portaerei e con una massa prossima a quella di una locomotiva a vapore. Tutto vero… ma non per Ford. La trazione integrale intelligente della Casa americana porta in dote un aggravio di peso pressoché irrisorio, consentendo a S-MAX, la monovolume sportiva della gamma, di conservare intatte le innate doti di guidabilità, arrivando al tempo stesso a percorrere 18,5 km con un litro di gasolio. Una prestazione che la maggioranza delle concorrenti non riuscirebbe a replicare nemmeno svuotando l’abitacolo come un melone e conservando il solo sedile del guidatore. Analogamente a Mondeo, le 4WD sono riservate alla motorizzazione 2.0 TDCi negli step da 150 e 180 cv abbinabile, oltre che all’allestimento top di gamma Vignale – il massimo della ricercatezza quanto a materiali e finiture – a un classico cambio manuale a 6 marce o alla moderna trasmissione automatica a doppia frizione PowerShift a 6 rapporti.

Multimedialità al top
S-MAX o Mondeo Wagon? Quale scegliere? Basate sul medesimo pianale, entrambe, come accennato, possono contare sulla trazione integrale intelligente, sull’esclusivo allestimento Vignale e su di un carattere sportiveggiante, come dimostrato dalla disponibilità sia delle sospensioni autolivellanti al retrotreno sia dell’assetto sportivo. Condivisi anche il sistema multimediale SYNC 2 e le dotazioni di sicurezza d’ultima generazione. Nel primo caso, allo schermo touchscreen da 8 pollici si accompagnano la gestione vocale dell’impianto audio, dei dispositivi collegati mediante USB o Bluetooth, del navigatore satellitare e del climatizzatore. Navigatore che evidenzia gli incroci, legge a voce i nomi delle strade, mostra in 3D le uscite autostradali e integra le Guide Michelin. Un esempio di gestione vocale? Dire “ho fame” permette di accedere a un elenco di ristoranti nelle vicinanze, mentre pronunciando le parole “ho caldo” viene attivato il climatizzatore. Come avere un maggiordomo a bordo. Comuni anche i sistemi di assistenza alla guida. Sono infatti disponibili tecnologie di pregio quali la frenata automatica d’emergenza, il cruise control adattivo e l’avviso di superamento involontario della linea di corsia

Trasmissioni e motori Diesel condivisi
I punti di contatto tra S-MAX e Mondeo Wagon sono numerosi. Le due vetture condividono infatti i brillanti motori turbodiesel, dall’analoga cubatura e potenza, così come le trasmissioni manuali e automatiche. Le differenze principali sono pertanto limitate agli ingombri, all’abitabilità e ai consumi. La monovolume Ford, sebbene più corta di 7 cm (4,80 metri contro 4,87) è in grado di ospitare sino a 7 persone – contro le 5 della famigliare – ed è dotata di un vano di carico dalla capienza compresa tra 700 e 2.200 litri anziché tra 525 e 1.630 litri, confermandosi un’auto ideale per le famiglie numerose e per quanti praticano sport con attrezzature voluminose. La wagon porta invece in dote, complice la raffinata aerodinamica, percorrenze medie degne di una berlina compatta, spingendosi, nel caso della versione 2.0 TDCi AWD 150 cv, oltre i 20 km con un litro di gasolio, laddove la S-MAX, complice la massa mediamente superiore di 110 kg, si attesta a 18,5 km/l. E per quanto riguarda le prestazioni pure, se la Mondeo 2.0 TDCi AWD 180 cv con cambio PowerShift scatta da 0 a 100 km/h in 9,5 secondi raggiungendo una velocità massima di 216 km/h, la monovolume con la stessa dotazione tecnica fa registrare rispettivamente 10,5 secondi e 206 km/h. E i prezzi? Da 35.800 euro per la Mondeo Wagon AWD in configurazione da 150 cv e da 41.800 euro, incluso il cambio automatico, per la S-MAX 2.0 TDCi AWD 180 cv. Due modi diversi di essere “non SUV”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Nuova Citroen C4, prezzi da 22.900 euro

BMW Serie 1 MSport

Promozione BMW Serie 1, da 160 euro al mese per la 116d MSport

Ford Fiesta Titanium vista in tre quarti

Incentivi auto, cinque modelli “per tutti” che godono degli sconti