Seat Arona: fatemi spazio

Seat Arona-apertura

Basata sul medesimo pianale della Ibiza, la nuova SUV compatta spagnola può contare su di una generosa capacità di carico oltre che su ricche dotazioni multimediali e di sicurezza. Prezzi da circa 16.000 euro e trazione esclusivamente anteriore.

27 giugno 2017 - 12:06

Eppure, mi sembrava di averti già visto… Come ti chiami? Arona? No, il nome non mi dice nulla, però… ma sì! Sei la versione all terrain della nuova Seat Ibiza! Sei la nuova Seat Arona, la SUV compatta chiamata a sfidare best seller quali la Fiat 500X, la Peugeot 2008 e la rinnovata Renault Captur, oltre a una nutrita serie di debuttanti come la Opel Crossland X e le “gemelle” Hyundai Kona e Kia Stonic. Adesso ho capito chi sei!


Il pianale di VW Polo e nuova Ibiza
Derivata dalla quinta generazione della berlina compatta Ibiza, la Arona è attesa al debutto ufficiale in occasione del prossimo Salone di Francoforte e va ad affiancarsi in gamma alla più grande Ateca. Analogamente alla citata Ibiza e alla nuova Volkswagen Polo, è basata sulla piattaforma modulare MQB A0. Lunga 4,13 metri, si colloca a pieno titolo nel segmento delle B-SUV, vale a dire le sport utility di dimensioni inferiori o uguali a 4,2 metri. La capienza del bagagliaio si attesta a 400 litri con cinque persone a bordo. Un valore degno della massima considerazione, dato che una concorrente affermata quale la Peugeot 2008 non fa meglio di 360 litri e una best seller come la Fiat 500X si deve “accontentare” di 350 litri.

Anche a tre cilindri
Proposta con prezzi a partire da circa 16.000 euro, la Arona può contare sulla sola trazione anteriore e sull’ormai immancabile finitura bicolore, comune a gran parte delle concorrenti. 10 cm più alta della Ibiza, condivide con la berlina compatta spagnola la gamma motori. Sono pertanto previsti un tricilindrico 1.0 TSI, vale a dire turbo a iniezione diretta della benzina, da 95 o 115 cv e un più performante quattro cilindri 1.5 TSI da 150 cv, portato al debutto dalla recentemente rinnovata Volkswagen Golf. Lato Diesel, cardine della gamma è il noto 1.6 TDI disponibile negli step da 95 e 115 cv. Non manca, infine, una versione bifuel a metano da 90 cv del 1.0 TSI, ordinabile da metà 2018. Trasmissioni manuali a 5 e 6 rapporti o automatica a doppia frizione DSG a 7 marce.


Quattro allestimenti e touch da 8 pollici
Disponibile negli allestimenti Reference, Style, FR ed Xcellence, la nuova Arona riprende fedelmente il layout dell’abitacolo della Ibiza, caratterizzato dal display touchscreen da 8 pollici al centro della plancia, perno del sistema multimediale. Quest’ultimo forte della connettività agevolata con gli smartphone – sono previsti tutti e tre i principali protocolli di “dialogo” tra vettura e device portatili, vale a dire Android Auto, Apple CarPlay e MirrorLink – così come della ricarica induttiva per i cellulari. Tanta raffinatezza trova conferma nella ricchezza della dotazione di sicurezza, dato che alla frenata automatica d’emergenza si affiancano il cruise control adattivo, l’accesso hands free all’auto (con pulsante d’accensione), l’assistenza alla partenza in salita, il controllo della stanchezza del conducente, il monitoraggio del traffico alle spalle del veicolo, i sensori di parcheggio anteriori e posteriori oltre alla telecamera in retromarcia.


Optional le sospensioni adattive
La variante sportiva FR può contare sul Seat Drive Profile, vale a dire il sistema che consente di optare per quattro programmi di marcia in base ai quali vengono adattate la servoassistenza dello sterzo, l’erogazione del motore, la logica di gestione del cambio automatico e la taratura degli ammortizzatori a controllo elettronico. La Arona verrà affiancata in gamma, nel corso del 2018, da una nuova SUV Seat, questa volta di grandi dimensioni e derivata dalla Skoda Kodiaq.


Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dacia e Udinese Calcio, la partnership si rinnova

Volkswagen ID.4 in movimento gialla tre quarti anteriore

Volkswagen ID.4 contro Tesla Model Y e gli altri SUV elettrici

BMW Why Buy EVO

BMW Why-Buy Evo, guidare una BMW senza comprarla è ancora più facile. Ecco perché