Targhe dell’Est Europa, ecco come si sfugge a bollo, multe e assicurazioni

Esplode il fenomeno delle auto targate nell’Est Europa ma guidate dagli italiani. Una frode allo Stato che consente di non pagare il bollo, ridurre al minimo le spese di assicurazione ed essere immuni dalle contravvenzioni.

1394

9Un fenomeno in crescita

Negli ultimi anni sono aumentate in modo esponenziale le auto, specialmente di lusso, circolanti in Italia con targhe bulgare o rumene. I conducenti, però, sono italiani. La ragione del fenomeno è legata alla volontà di risparmiare radicalmente sul bollo e l’assicurazione, oltre a non pagare eventuali multe e sfuggire ai controlli fiscali. Il trend, fuori controllo, rischia di esporre a gravi rischi sia quanti abbiano la sfortuna di venire coinvolti in incidenti con queste vetture, sia quanti le guidano, esponendosi al rischio di pesanti conseguenze risarcitorie e penali.

Indietro