Comparativa 1000 Superbike 2019

Di nuovo in pista per mettere a confronto le migliori supersportive 1000 (o 1100) del momento. Sui 3450 metri del Cremona Circuit è andata in scena una delle sfide più infuocate dell’anno. I valori del 2018 saranno rispettati o ci saranno delle sorprese? Al cronometro (ma non solo) l’ardua sentenza

Honda CBR1000RR Fireblade SP

Non è stata la moto che all’EICMA ha fatto accendere i riflettori: nessun cambiamento estetico o ciclistico, motore invariato. Honda annunciava “solo” aggiornamenti di elettronica per renderla più efficace. E così è stato, dimostrando come i giapponesi lavorino senza sosta per evolvere i loro modelli, senza troppo clamore. L’elettronica della Honda ha fatto un passo avanti considerevole e questo, insieme alla ciclistica da 10 e lode, a una compattezza da 600 e a una agilità che, unica del lotto, tiene il passo con quella della Panigale ma con una facilità di guida disarmante, la rende una moto molto apprezzata sia dal pilota sia dall’amatore.Il passo avanti più consistente è arrivato nella gestione del controllo della trazione e dell’impennata, finalmente regolabili separatamente e quindi più precisi nel funzionamento. Anche se, come accade per tutte le Honda, il sistema non è immediato come gli altri nel ridare potenza una volta intervenuto il taglio, il che fa sì che la Fireblade lasci qualche decimo nelle ripartenze più “secche”, dove l’anti-impennata è chiamato a fare gli straordinari.Posizione di guida fantastica (ma pedane un po’ avanzate e basse), cambio perfetto, protezione dall’aria praticamente nulla: le caratteristiche della Fireblade non sono variate, come non è cambiato il motore, che resta il meno potente di tutti e, purtroppo, non ha beneficiato di un’evoluzione nella gestione del gas, che resta “sporca” alla prima apertura, con un on-off marcato che  non aiuta nella gestione dell’accelerazione a moto inclinata.

Un impianto frenante poco consistente nella resistenza alla fatica e nella costanza di rendimento – i tubi in gomma onestamente non sono più accettabili su una moto di questa caratura, la leva non ha sempre lo stesso punto di pressione – e un ABS che, pur migliorato, non è al livello dei migliori sono i punti su cui Honda deve lavorare per rendere la CBR una moto da primato nel tempo sul giro.LA HONDA CBR1000RR FIREBLADE SP A CREMONA

Miglior Tempo R1

1.30.238

Miglior Tempo R2

1.31.035

Tempo Medio R1+R2

1.30.636

Velocità Massima

272 km/h

Media Voti Tester

7,95

Aprilia RSV4 1100 Factory

BMW S1000RR

Ducati Panigale V4S

Honda CBR1000RR Fireblade

Kawasaki ZX-10RR

Suzuki GSX-R1000R

Yamaha R1M

Le gomme del confronto

Guarda il video della comparativa