Dynamic photo, 
Colour: Glacier White

Le migliori wagon all terrain

Derivate da famigliari prettamente stradali, grazie all’assetto rialzato, alle protezioni sottoscocca e alle 4WD, o a un evoluto controllo della trazione, possono affrontare facili sterrati. Abbinano polivalenza e praticità.

Pubblicato lunedì 25 gennaio 2016 · da

Arrivano dove una normale vettura a quattro ruote motrici non potrebbe spingersi. Caratterizzate da un assetto lievemente rialzato, da protezioni sottoscocca sia all’avantreno sia al retrotreno e dalla trazione integrale – o quantomeno da sistemi elettronici che avvicinano le prestazioni delle 4WD – le famigliari all terrain sono diventate negli ultimi anni un fenomeno di mercato. Definite negli States delle Sport Utility Wagon, vale a dire una via di mezzo tra una SUV e una station wagon, abbinano la praticità dei modelli prettamente stradali a una discreta mobilità offroad. Pur non potendo parlare di una vera e propria attitudine al fuoristrada, essendo destinate a facili sterrati e strade bianche, consentono di allontanarsi dall’asfalto senza eccessivi timori, forti di una buona trazione e di una luce da terra abbastanza generosa. E la guida? Fatta eccezione per un lieve incremento del rollio nel misto stretto e un’attenuazione della rapidità d’inserimento in curva, non fanno rimpiangere le comuni famigliari. Ecco le migliori wagon all terrain sul mercato.

Audi A4 Allroad

Dynamic photo, Colour: Glacier White

Recentemente rinnovata, completa la gamma della nuova A4 Avant, dalla quale si distingue per i paraurti specifici, le protezioni sottoscocca, i passaruota a contrasto e i cerchi in lega dedicati (da 17 a 19 pollici), oltre all’assetto rialzato di 34 mm. Proposta in abbinamento alla sola trazione integrale, può contare su di una modalità di marcia dedicata all’offroad dell’Audi Drive Select, vale a dire il sistema che influisce sull’erogazione, sui punti d’innesto della trasmissione, sulla servoassistenza dello sterzo e sui differenziali in funzione dei programmi selezionati. La gamma motori annovera un 2.0 TFSI – turbo benzina – da 252 cv e una doppia proposta turbodiesel: 4 cilindri 2.0 TDI da 150 o 190 cv e 6 cilindri 3.0 TDI da 272 cv. Trasmissioni identiche alla versione “stradale”: manuale a 6 marce, a doppia frizione S tronic a 7 rapporti o automatica Tiptronic a 8 marce del tipo mediante convertitore di coppia.

Citroën C5 Tourer XTR
CitroenC5CrossTourerXTR-002

La station francese beneficia di protezioni sottoscocca in alluminio e dell’assetto rialzato di 15 mm – fino a una velocità di 70 km/h – rispetto allo standard. Un risultato ottenuto grazie alle sospensioni idropneumatiche adattive Hydractive III+ che, oltre all’altezza da terra, modificano lo smorzamento in funzione dello stile o del programma di guida selezionato. C5 CrossTourer può essere rialzata sino a 60 mm sotto i 10 km/h, che diventano 40 mm non oltrepassando i 40 km/h. La trazione è anteriore, assistita da un controllo della trazione evoluto che permette un contenuto pattinamento delle ruote motrici, così da trovare il giusto grip senza mortificare la mobilità con fango e neve. Disponibile nel solo allestimento top di gamma Executive, adotta un 4 cilindri 2.0 td BlueHDi da 150 o 180 cv abbinato a un cambio manuale a 6 marce o automatico a 6 rapporti del tipo mediante convertitore di coppia (2.500 euro). C5 Tourer XTR costa 38.300 euro.

Opel Insignia CountryTourer
OpelInsigniaCountryTourer-002

Si distingue dalla wagon dalla quale deriva per la maggiore altezza da terra (+20 mm), le protezioni sottoscocca, le minigonne e gli archi passaruota a contrasto. È disponibile sia a trazione anteriore sia con le 4WD a ripartizione variabile della coppia tra gli assali; sistema, quest’ultimo, che si affida a una frizione Haldex grazie alla quale l’asse posteriore interviene solo in caso di necessità, laddove una centralina calcola i kgm da distribuire al retrotreno e il controllo della trazione evoluto simula la presenza di un differenziale posteriore autobloccante. Mutua da Insignia wagon la tecnologia FlexRide che consente di adattare allo stile di guida, o a uno dei programmi di marcia, la taratura degli ammortizzatori, la servoassistenza dello sterzo e la reattività del propulsore. È dotata di un 2.0 td da 170 cv abbinato a un cambio manuale a 6 marce o automatico a 6 rapporti (1.500 euro). Prezzi da 37.500 euro (2WD) o 39.800 euro (4WD).

Peugeot 508 SW RXH ETG6
Peugeot508RXH_001

Basata su 508 SW, la versione RXH è lievemente rialzata da terra e caratterizzata sia dalla trazione integrale sia da un powertrain ibrido composto da un propulsore td da 163 cv abbinato a un’unità elettrica da 37 cv. Un binomio assistito dalla trasmissione robotizzata a 6 rapporti. Il 4 cilindri common rail di 1.997 cc alimentato a gasolio e sovralimentato mediante turbocompressore muove le ruote anteriori, mentre l’azione del propulsore elettrico si sviluppa in corrispondenza dell’assale posteriore. Quattro le modalità di marcia: Auto, con l’elettronica che gestisce la combinazione tra spinta elettrica ed endotermica, ZEV (Zero Emission Vehicle), con il solo motore elettrico in funzione, 4WD e Sport. Pesa 1.770 kg, vale a dire 150 kg in più rispetto alla “normale” 2.0 td da 180 cv. Il bagagliaio ha una capienza ridotta: 400 litri con cinque persone a bordo contro i 560 litri della versione a trazione anteriore. Costa 45.650 euro.

Seat Leon ST X-Perience
SeatLeonXPerience-009

Deriva da Leon ST 4Drive, una delle wagon a trazione integrale più sportive sul mercato, e beneficia tanto dell’assetto rialzato di 15 mm quanto di una moderata caratterizzazione estetica in chiave outdoor. La distribuzione della coppia in corrispondenza d’entrambi gli assali è garantita da una frizione multidisco idraulica Haldex gestita elettronicamente, mentre sotto il cofano pulsano un 4 cilindri 1.6 TDI da 110 cv e 250 Nm di coppia oppure un 2.0 TDI common rail negli step da 150 cv e 320 Nm o da 184 cv e 380 Nm. Trasmissioni manuale a 5 o 6 marce oppure a doppia frizione DSG a 6 rapporti. La top di gamma 2.0 TDI da 184 cv può contare anche sulle sospensioni adattive e sulla tecnologia Seat Drive Profile che consente di armonizzare al programma di marcia selezionato la servoassistenza dello sterzo, l’erogazione e la logica di gestione del cambio DSG. Prezzi da 28.050 euro (1.6 TDI 110 cv) a 34.635 euro (2.0 TDI 184 cv DSG).

Skoda Octavia Scout
SkodaOctaviaScout-apertura

Prendi un’Octavia Wagon, aggiungi passaruota plastici a contrasto, non dimenticare le protezioni sottoscocca sia all’avantreno sia al retrotreno e quindi amalgama il tutto con della trazione integrale permanente e un rialzo dell’assetto di 33 mm rispetto allo standard. Per finire, arricchisci il preparato con dei cerchi in lega da 17 pollici. Ecco gli ingredienti della ricetta Octavia Scout. Le 4WD, nel dettaglio, si affidano a una frizione a lamelle Haldex di quinta generazione; non è pertanto necessario attendere lo slittamento delle ruote anteriori per provocare la ripartizione della coppia verso il retrotreno, che anzi avviene preventivamente. È disponibile con un unico propulsore 2.0 TDI negli step da 150 o 184 cv in abbinamento a un cambio manuale a 6 rapporti oppure alla trasmissione a doppia frizione DSG a 6 marce. Prezzi da 30.390 euro (2.0 TDI 150 cv) a 34.350 euro (2.0 TDI 184 cv DSG).

Subaru Outback
SubaruOutbackMY15-005

La progenitrice di tutte le wagon all terrain. Un po’ famigliare e un po’ crossover, condivide la base meccanica con Legacy, ma da questa si distingue per le protezioni sottoscocca e l’assetto rialzato sino a 22 cm da terra: un valore superiore persino alla media delle SUV. Sotto il cofano pulsano un 4 cilindri boxer (a pistoni contrapposti orizzontali) 16V di 2.498 cc a benzina da 175 cv – disponibile anche in versione bifuel benzina/GPL – oppure un 2.0 td da 150 cv. Entrambi i propulsori lavorano in abbinamento alla trasmissione automatica a variazione continua Lineartronic in grado di simulare, qualora si opti per la gestione mediante levette al volante, la presenza di 6 rapporti. Da tradizione Subaru, la trazione è integrale permanente. Un must cui si aggiungono il controllo della trazione evoluto, la limitazione della velocità in discesa e l’assistenza alla partenza in salita. Prezzi da 36.290 euro (2.0D Free Lineartronic) a 43.350 euro (2.0 D Unlimited Lineartronic).

Volkswagen Passat Variant Alltrack
Der neue Volkswagen Passat Alltrack

4WD, assetto rialzato ed estetica all terrain. Ecco gli ingredienti della ricetta Alltrack destinata a Passat Variant. La wagon tedesca si contraddistingue per le protezioni plastiche a contrasto, le slitte paracolpi, gli angoli d’attacco e uscita più generosi rispetto allo standard e l’altezza da terra aumentata di 27,5 mm. La trazione integrale 4Motion è proposta nello step più recente: non è necessario attendere lo slittamento delle ruote anteriori per provocare la ripartizione della coppia verso il retrotreno, che anzi avviene preventivamente. La modalità di marcia Off-Road adatta l’erogazione, la taratura di ABS ed ESP nonché la gestione del cambio a doppia frizione, portando in dote l’assistente alla partenza in salita e il limitatore della velocità in discesa. Disponibile con un 4 cilindri 2.0 TDI negli step da 150, 190 e 240 cv (biturbo) abbinato a un cambio manuale a 6 rapporti o a doppia frizione DSG a 6 o 7 marce, costa da 39.050 euro (2.0 TDI 150 cv) a 47.850 euro (2.0 BiTDI DSG).

Volvo V60 Cross Country

The new Volvo V60 Cross Country

La “sorella” XC70 è una delle pietre miliari della categoria, ma V60 Cross Country spicca per modernità. Rialzata di 65 mm rispetto alla wagon dalla quale deriva, può contare su protezioni sottoscocca, passaruota con rivestimenti a contrasto e cerchi in lega da 18 o 19 pollici abbinati a pneumatici dalla spalla alta; a tutto vantaggio del comfort e dell’efficacia fuoristrada. Le versioni 4WD beneficiano del sistema Torque Vectoring che, agendo sulle pinze dei freni, rallenta le ruote interne alla curva agevolando l’inserimento in traiettoria. Ampia la gamma motori: 4 cilindri 2.0 turbo benzina o 5 cilindri 2.5 turbo benzina da, rispettivamente, 245 e 254 cv oppure 2.0 td da 150 o 190 cv. A questi si affianca il noto 5 cilindri 2.4 td da 190 cv. Trazione anteriore in abbinamento ai quadricilindrici, integrale ai 5 cilindri e trasmissioni manuale a 6 marce o automatica a 6 rapporti. Prezzi da 37.000 euro (2.0 td 150 cv 2WD) a 46.450 euro (2.5 T5 AWD Geartronic 254 cv).

Articoli correlati

Continua...cover

Le migliori auto del 2015

Hanno segnato l’anno trascorso grazie a soluzioni tecniche avveniristiche, prestazioni top o, più semplicemente, miglioramenti...
29 dicembre 2015
Continua...Der neue Volkswagen Golf Alltrack

Le migliori station wagon a trazione integrale

Capienti, comode e funzionali, non temono i fondi a bassa aderenza.
04 maggio 2016
Continua...OpelAstraSportsTourer-apertura

Le migliori station wagon di medie dimensioni

Capienti, confortevoli e funzionali, ma non per questo noiose al volante o disgustose alla vista: le moderne famigliari sono...
03 maggio 2016
Continua...MPV-apertura

Speciale MPV: le migliori auto tuttofare

Contaminazione tra wagon e monovolume, massimizzano tanto la capacità di carico quanto l’abitabilità.
20 aprile 2016