Confronto Maxi Naked 2019

Sono le migliori maxi naked sulla piazza. Le più potenti e tecnologiche di sempre. Le abbiamo messe alla frusta in ogni situazione. Strada, pista, passi, curve e cordoli. Obbiettivo? Trovare la roadster definitiva

14 ottobre 2019 - 8:00

Due cilindri, tre cilindri, quattro cilindri. In linea, a V stretto e a V di 90 gradi. Un totale di 814 cavalli e 617 Newtonmetro di coppia da scaricare sull’asfalto. Non si può dire che il menù offerto dalle Supernaked Europee non sia variegato. E molto, molto appetitoso. Se escludiamo le supersportive, sono loro le moto più potenti, tecnologiche, veloci ed appaganti che ci siano in listino. Modelli che spesso sono la punta di diamante delle aziende dal punto di vista delle prestazioni e della ricchezza delle dotazioni. Sono, quindi, delle vere e proprie superbike spogliate, che andremo a conoscere a fondo provandole non solo in un lungo itinerario stradale, di quelli che ogni motociclista sogna di percorrere ogni domenica, ma anche in pista.

Non parliamo di novità assolute, quelle del nostro confronto sono tutti modelli già noti. Certo una rinfrescatina che ci ricordi le loro caratteristiche non fa male, anche perché la dotazione di queste moto è davvero impressionante e scommetto che nemmeno voi vi ricordate tutto. Manca qualcuno? Sì; anticipiamo i vostri commenti e vi diciamo che all’appello manca la MV Agusta Brutale Serie Oro. Presentata lo scorso anno a EICMA di fatto non è ancora arrivata sul mercato. Noi l’aspettiamo, così come aspettiamo la nuova Ducati Streetfighter V4, una delle protagoniste del prossimo EICMA. Ma per loro ci sarà tempo per organizzare una nuova comparativa.

Già che ci siamo parliamo anche un po’ di tecnica e di quote ciclistiche che poi sono quei numeri  fondamentali per spiegare meglio il comportamento dinamico di una moto.

Parliamo di naked ad altissime prestazioni, moto per cui ovviamente servono quote che diano stabilità, tolgano nervosismo, aumentino il feeling senza influenzare la maneggevolezza che di queste moto è il punto forte. Ecco perché sono tutte caratterizzate da interassi abbastanza lunghi. Anche se poi, come vedrete dai nostri dati, sull’argomento misure di avantreno, ciascuno la pensa un po’ a modo suo. Attenzione ai numeri, quindi, perché sono loro i protagonisti della guida di queste moto.

Moto che non faticherete mai a riconoscere. La personalità, in questo caso, non è solo estetica. Sono moto molto differenti tra loro, questo è probabilmente il segmento dove c’è meno omologazione dal punto di vista del design. Ma parliamo di personalità anche acustica. Siamo al cospetto infatti di cinque architetture motoristiche diverse tra loro. Ognuna con la sua voce inconfondibile…

APRILIA TUONO 1100 FACTORY

BMW S1000R

DUCATI MONSTER 1200S

KTM 1290 SUPER DUKE R

TRIUMPH SPEED TRIPLE RS

L’ITINERARIO

LE GOMME DEL CONFRONTO

COME ABBIAMO VOTATO

Commenta per primo