Le auto più difficili da guidare al mondo

Dalla metà degli Anni ’60 ad oggi ha visto la luce un manipolo di vetture estreme, cattive, brutali e tremendamente performanti. Sogni, o incubi, a quattro ruote, ecco le auto più difficili da guidare al mondo

Shelby 427 S/C Cobra – 1966

Shelby427SCCobra-001Una delle vetture più difficili da guidare della storia dell’automobilismo. Cattiva, violenta nelle reazioni, da gestire d’acceleratore piuttosto che di volante tanta era la propensione al sovrasterzo, la Shelby 427 S/C Cobra è una pietra miliare degli Anni ’60, ancora oggi rimpianta e imitata. Aveva doppio passaporto: fu infatti la creazione congiunta della factory inglese AC Cars – che produceva l’agile roadster Ace – e del designer, pilota e imprenditore americano Carroll Shelby, che ebbe l’intuizione di dotare la leggera vettura britannica dei possenti V8 Ford. I primi esemplari – nel 1962 – vennero equipaggiati con unità di 4,3 e 4,7 litri collocate anteriormente, ma successivamente entrarono in gioco i 431 cv erogati dal mastodontico V8 Ford Type 427 Side Oiler da 7,0 litri. Era un’auto prettamente da gara, presto convertita all’utilizzo stradale. Nacque così la versione S/C (Semi Competition): una delle supercar più estreme mai prodotte. Realizzata in soli 31 esemplari, scattava da 0 a 100 km/h in 4,3 secondi e toccava i 262 km/h complici la trazione posteriore, la trasmissione manuale a 4 rapporti e il peso contenuto in 1.035 kg. Un mostro.

BMW 2002 Turbo – 1973

Dodge Viper SRT10 ACR – 2011

Ferrari F40 – 1987

Fiat Uno Turbo i.e. – 1985

Honda S2000 – 2004

Porsche 911 GT2 (993) – 1995

Reliant Robin – 1973

Renault 5 Turbo – 1980

Renault Clio V6 – 2001