Le auto più difficili da guidare al mondo

Dalla metà degli Anni ’60 ad oggi ha visto la luce un manipolo di vetture estreme, cattive, brutali e tremendamente performanti. Sogni, o incubi, a quattro ruote, ecco le auto più difficili da guidare al mondo

Dodge Viper SRT10 ACR – 2011

Una Dodge Viper SRT rossa a e nera in uscita di curva in una strada nel deserto

Sebbene la Viper SRT-10 “originale” fosse dotata di un colossale V10 8.3 da 506 cv e rinunciasse a qualsiasi ausilio elettronico alla guida, in Dodge pensarono che tutto ciò non fosse sufficiente per soddisfare i clienti sportivi. La “cura” ACR (American Club Racer) trasformò così la sportiva USA in una vera e propria track car. Indomabile. Il motore cresceva a 8,4 litri e, complici condotti d’aspirazione e scarico più generosi, erogava 600 cv e 758 Nm. La vettura dimagriva di 36 kg, mentre le sospensioni si avvalevano di ammortizzatori KW regolabili in altezza, compressione ed estensione. Debuttarono una barra antirollio anteriore maggiorata e profili aerodinamici in carbonio derivati dal Campionato FIA GT, mentre l’impianto frenante venne corredato di dischi autoventilanti StopTech abbinati a pinze Brembo. Scattava da 0 a 100 km/h in meno di 4,0 secondi e superava i 300 km/h. Guidarla sul bagnato era come giocare alla roulette russa…

BMW 2002 Turbo – 1973

Ferrari F40 – 1987

Fiat Uno Turbo i.e. – 1985

Honda S2000 – 2004

Porsche 911 GT2 (993) – 1995

Reliant Robin – 1973

Renault 5 Turbo – 1980

Renault Clio V6 – 2001

Shelby 427 S/C Cobra – 1966