SUV e crossover compatti: ecco i migliori sul mercato

I confini fra SUV e crossover sono sempre più incerti. Ecco i migliori modelli che soddisfano ogni gusto e desiderio.

IL PRATICO

Prima di scegliere quale auto acquistare ha visitato una decina di concessionarie e chiesto altrettanti preventivi, si è iscritto a tutti i forum e letto ogni commento su Internet. Cerca qualità, consumi ridotti, completezza delle dotazioni e sicurezza. In abitacolo vuole sentirsi come in una cassaforte. L’auto deve poter macinare centinaia di migliaia di chilometri. Senza una vibrazione. Se al bar gli amici lo sfottono per un problema meccanico, non dorme per una settimana. La sua vettura deve essere concreta, solida, indistruttibile.

Hyundai Tucson 1.6 CRDi 48V XPrime 2WD

Spaziosa, dalla linea aggressiva, curata nei dettagli e ben costruita, è un esempio di semplicità e concretezza. La motorizzazione 1.6 a iniezione diretta è proposta in configurazione aspirata da 132 cv o turbo da 177 cv. Capitolo turbodiesel: è possibile scegliere tra due 4 cilindri. Un 1.6 da 116 o 136 cv e un 2.0 da 185 cv. Trazione anteriore per 1.6 GDi e 1.6 CRDi, integrale per la 1.6 T-GDi, la 1.6 CRDi da 136 cv e per la 2.0 CRDi. Quest’ultima, indipendentemente dalla cavalleria, è disponibile con trasmissione automatica a 6 rapporti del tipo mediante convertitore di coppia (1.500 euro) in alternativa all’unità manuale a 6 marce di serie. Cambio a doppia frizione a 7 rapporti optional (1.700 euro) per la 1.6 turbo benzina e la 1.6 CRDi.

Data la mole dell’auto – lunga 4,48 m e pesante quasi 1.600 kg – la scelta ideale è il 1.6 turbodiesel da 136 cv. Lo scatto da 0 a 100 km/h avviene in 11,2 secondi, la velocità massima è pari a 184 km/h, per una percorrenza media di 18,2 km/l. La capacità di carico compresa tra 513 e 1.503 litri è tra le migliori della categoria. Il SUV coreano predilige uno stile di guida rilassato, così da cullare i passeggeri grazie alla taratura delle sospensioni tendenzialmente morbida, a tutto vantaggio dell’assorbimento delle asperità. Prezzi da 32.550 euro (Tucson 1.6 CRDi XPrime 2WD).

Mazda CX-3 1.5 D 2WDIl SUV premium Mazda CX-30 fotografato in città al tramonto

La crossover compatta giapponese può contare su una linea grintosa e personale, su finiture interne tra le più curate della categoria e su di un comportamento dinamico brillante. Forte di un peso abbastanza contenuto, prossimo ai 1.200 kg, è disponibile 2 e 4WD. Motori? 2.0 benzina da 121 cv o 150 cv, turbodiesel 1.8 da 116 cv. Quest’ultimo è il propulsore più equilibrato, garante di uno scatto – optando per le 2WD – da 0 a 100 km/h in 9,9 secondi e di una percorrenza media di 22,7 km/l.Alla trasmissione meccanica a 6 rapporti può essere preferita un automatico a 6 marce con convertitore di coppia. I prezzi partono da 21.470 euro (2.0 benzina 121 cv 2WD) e da 23.070 euro (1.8 td 2WD), che crescono rispettivamente a 26.820 euro e 27.920 euro optando per la trazione integrale (abbinata ai 150 cv, nel caso del benzina).

Mercedes-Benz GLA

L’obiettivo della nuova GLA è quello di superare il milione di esemplari venduti della prima generazione, ma anche quello di superare Audi Q3 e BMW X1 nelle classifiche di vendita. Ecco dunque forme decisamente più da SUV e un’altezza superiore di 10 centimetri, a vantaggio dell’abitabilità e della capacità di carico, che però non è al top: 435 litri, contro i 530 della Q3 e i 505 della X1. Nulla da dire quanto a dotazione di sistemi di assistenza alla guida. Fra gli altri, spicca l’assistente al sorpasso (in pratica, se ci sono le condizioni, la GLA cambia corsia da sola, supera il veicolo più lento e poi rientra). Nuova inoltre la trazione integrale 4Matic, più efficiente. In arrivo a giugno a prezzi da circa 32.000 euro.

Peugeot 3008 1.5 BlueHDi

La crossover Peugeot 3008 1.6 BlueHDi color terra bruciata

La prima generazione era un “incrocio” tra un’auto da famiglia e una crossover. La seconda Peugeot 3008 veste senza compromessi i panni del SUV e condivide gran parte degli stilemi con la rinnovata 2008. Grazie a una lunghezza di 4,45 metri, offre una generosa abitabilità posteriore oltre a una capacità di carico di 520 litri con cinque persone a bordo. Proposta anche con il tetto a contrasto, un vezzo estetico, ha portato al debutto la seconda generazione dell’i-Cockpit, vale a dire l’abbinamento costituito dalla strumentazione – caratterizzata da elementi digitali e da un display da 12,3 pollici integralmente personalizzabile – insolitamente rialzata e da un volante dal diametro ridotto.

Gli interni della Peugeot 3008 1.6 BlueHDi

Il sistema multimediale, forte di un touchscreen da 8 pollici, è compatibile con gli standard MirrorLink e Apple CarPlay per il dialogo privilegiato con gli smartphone. La gamma motori prevede un 1.2 e un 1.6 turbo benzina da, rispettivamente, 131 e 181 cv, cui si affiancano un 2.0 td da 177 cv e il più equilibrato 1.5 BlueHDi da 130 cv. Quest’ultimo, garante di uno scatto da 0 a 100 km/h in 11,9 secondi a fronte di una percorrenza media di 24,4 km/l. Prezzi da 27.580 euro per 3008 a benzina 1.2 PureTech, da 29.380 euro per 3008 Diesel (1.5 BlueHDi Active).

Seat Arona 1.0 EcoTSI

Basata sulla stessa piattaforma modulare di Ibiza e Volkswagen Polo, la Arona si affianca in gamma alla più grande Ateca, è  lunga 4,14 metri e si colloca a pieno titolo nel segmento dei SUV compatti. La capienza del bagagliaio si attesta a 400 litri, con cinque persone a bordo. Un valore degno della massima considerazione. Analogamente a gran parte degli sport utility vehicle d’ultima generazione, può contare sulla sola trazione anteriore e sull’ormai immancabile finitura bicolore. La spagnola è proposta negli allestimenti Reference, Style, Xcellence, più lo sportivo FR

.

Pratica, funzionale, dalla guida appagante ed estremamente intuitiva, la nuova Arona, tra i SUV più leggeri sul mercato. Con la berlina compatta spagnola condivide la gamma motori. Sono pertanto previsti un 3 cilindri 1.0 TSI, vale a dire turbo a iniezione diretta della benzina, da 95 o 116 cv e un più performante quattro cilindri 1.5 TSI da 150 cv. Quest’ultimo è  abbinato al solo allestimento FR ed è contraddistinto dalla disattivazione parziale dei cilindri. In quanto ai motori Diesel, cardine della gamma è il noto 1.6 TDI da 95 cv. Non manca, infine, una versione bifuel a metano da 90 cv del 1.0 TSI. Prezzi da 17.450 euro.

Skoda Karoq 2.0 TDI 150 cv 4×4 DSG

Ha mandato in pensione la Yeti, offre un design più “classico”, finiture di buon livello, un notevole spazio in abitacolo e una capacità di carico tra le migliori della categoria: da 521 a 1.630 litri. Immancabili le soluzioni“clever”, fra le quali spicca la possibilità di far scorrere e rimuovere singolarmente i tre sedili posteriori.

Disponibile negli allestimenti Ambition, Executive e Style, sin dalla versione entry level è corredata di frenata automatica d’emergenza, radio con display touch da 8 pollici e connettività estesa, clima bizona, sensori di parcheggio, cerchi in lega da 17 pollici e tanto altro. Un piatto decisamente invitante, ulteriormente arricchito da una guida confortevole e, nel caso delle varianti 4WD, da una buona mobilità off-road.

Basata sulla piattaforma modulare MQB, condivisa con Seat Ateca, Audi Q2 e Volkswagen Tiguan, la Karoq può contare su quattro motorizzazioni sovralimentate a iniezione diretta. Lato benzina, si parte dal 3 cilindri 1.0 TSI da 115 cv e 200 Nm di coppia, accreditato di una percorrenza media di 18,9 km/l. C’è poi il 4 cilindri 1.5 TSI da 150 cv e 250 Nm, forte della disattivazione parziale dei cilindri nelle fasi di carico parziale del propulsore.

Quanto ai Diesel, è possibile scegliere tra il 1.6 TDI da 116 cv e 250 Nm, con consumi di 20,2 km/l, e il 2.0 TDI da 150 cv e 17,8 km/l.La trazione integrale è prevista solo per le versioni benzina e Diesel più potenti. Per tutte, invece, cambio manuale a 6 rapporti o automatico a doppia frizione DSG a 7 marce (unica opzione prevista per la 1.5 TSI). Prezzi da 24.800 euro (27.400 euro per le Diesel). La 2.0 TDI 150 cv 4×4 DSG è proposta a 32.950 euro nell’allestimento entry level Ambition.

Volkswagen Tiguan 2.0 TDI 150 cv

Uno dei SUV più piacevoli da guidare sul mercato, oltre che una delle bestseller Volkswagen. Rinnovata in chiave sportiveggiante e secondo i più recenti stilemi del Gruppo VW, è mediamente più leggera di 50 kg rispetto al passato, nonostante un sensibile incremento delle dimensioni (+6 cm in lunghezza e +7,7 cm nel passo). Da riferimento la capienza del bagagliaio (520/1.655 litri).

Gamma motori: 1.5 TSI (turbo a iniezione diretta della benzina), da 131 o 150 cv, e 1.6 TDI (turbodiesel common rail) da 116 cv. Al top della gamma il 2.0 TDI da 150, 190 cv e 239 cv. Tiguan 2.0 TDI 150 cv a trazione anteriore scatta da 0 a 100 km/h in 9,3 secondi e percorre mediamente poco meno di 17,5 km/l. La strumentazione tradizionale può essere sostituita con quella integralmente digitale di derivazione Audi TT, mentre il reparto sicurezza è decisamente completo. Cambio manuale a 6 rapporti oppure a doppia frizione DSG a 7 marce. Trazione anteriore o, limitatamente alla 2.0 TSI e alla 2.0 TDI, integrale 4Motion. Prezzi da 31.150 euro, mentre la 1.6 TDI da 116 cv vede il listino partire da 32.700 euro.